Telecamere nascoste: come trovarle

esempio di microcameraQuando pensiamo a telecamere nascoste, a microfoni segreti e ad altro che sembra uscito da un film di spionaggio pensiamo siano situazioni molto lontane dalla realtà.

Purtroppo si tratta di apparecchiature all’effettivo non troppo costose e facili da installare che si possono trovare anche nei contesti meno probabili.

Vediamo i modi per trovarli ed evitare che qualcuno intacchi la nostra privacy.

Telecamere nascoste: iniziamo a conoscerle

Partiamo dicendo appunto che le telecamere nascoste o meglio quelle che è facile nascondere, sono molto diffuse sul mercato.

Quelle in miniatura sono disponibili a prezzi accessibili e si collegano al normale Wi-Fi per trasferire i dati.

Nella vita reale quindi possiamo purtroppo dire che tutti possono utilizzarle, giocando a fare le spie o altro.

Ma quali sono i motivi per cui le persone le utilizzano? Cosa spinge qualcuno a installarle?

Il primo motivo è la sicurezza: molti piccoli o grandi proprietari di appartamenti in affitto li installano per prevenire furti o danni alla proprietà. 

C’è poi il controllo: molto spesso le utilizzano coniugi sospettosi e rivali senza scrupoli, così come i burloni. Poi, ci sono gli estorsori professionisti. 

estorsori professionisti

In poche parole, le scuse e i motivi sono tanti.

Veniamo ora al vero nocciolo della questione, ovvero quante possibilità abbiamo nelle nostre vite di essere osservati da una telecamera nascosta?

La risposta è purtroppo buone probabilità.

Un sondaggio realizzato tra gli utenti di Airbnb ha rivelato che l’11% degli intervistati si è imbattuto in una telecamera nascosta negli alloggi affittati. 

Una percentuale, questa, che ci sembra molto alta se consideriamo quante persone prenotano su Airbnb ogni anno.

Ed essa include in pratica solo quelli che hanno trovato qualcosa: questo non ci fa ben sperare.

Ma come si fa a sapere se si è spiati? Scopriamo in 4 tecniche facili.

Telecamere nascoste: affidati ad un professionista per trovarle

Il modo più facile e sicuro per scoprire se siamo circondati da apparecchiature spia nascoste di diverso tipo è quello di affidarsi ad uno specialista.

È bene che sia un tecnico qualificato con attrezzature professionali a fare la ricerca di queste fastidiose telecamere o microfoni.

I vantaggi di seguire questo primo metodo sono sicuramente l’efficienza, i risultati affidabili con pochissimo sforzo personale.

Chiaramente si tratta di un servizio con un prezzo abbastanza elevato, con tempi di attesa relativamente alti se il professionista è molto ricercato sul mercato.

Telecamere nascoste: scovarle grazie all’acquisto di apparecchiature speciali

Se invece siamo diffidenti e non vogliamo affidarci a terze parti, il lavoro può essere svolto anche da soli con l’acquisto di apparecchiature particolari.

Si tratta di rilevatori di radiazioni elettromagnetiche oppure ottici e altre apparecchiature per il rilevamento di telecamere nascoste e usarle per controllare da soli ogni stanza.

Questi strumenti non sono poi così costosi anzi spesso quelli con un raggio di rilevamento di pochi metri, partono dai 3 dollari; quelli professionali e più potenti sono ovviamente più costosi.

Per essere precisi, un rilevatore ottico semplice può essere assemblato manualmente. Tutto ciò che serve sono alcuni LED rossi e un filtro a luce rossa. Basta indirizzare la luce verso la telecamera sospetta e guardare attraverso il filtro: la lente della videocamera apparirà come un punto luminoso. 

Se decidete di controllare in prima persona il posto di cui sospettate, dovete prestare molta attenzione al bagno e alla camera da letto, dove potrebbero essere filmati video compromettenti, così come ai rilevatori di fumo e agli elettrodomestici, luoghi comuni dove nascondere telecamere spia. 

Oltre al vantaggio di fare tutto in maniera indipendente, questo metodo permette anche controlli regolari o alle tempistiche dettate dalla necessità dell’utente.

Sicuramente ne rimette la precisione e anche i prezzi sono abbastanza elevati per il fai da te in questo settore.

 

telecamere nascoste e smartphone

Telecamere nascoste: trovarle con uno smartphone

Se invece volete fare un’operazione ancora più economica, potete usare anche uno smartphone.

A volte infatti è possibile fare a meno di apparecchiature speciali e utilizzare solo la fotocamera dello smartphone insieme ad una torcia elettrica.

La stanza sottoposta al controllo deve essere completamente buia e così facendo potete accendere sia la torcia che la fotocamera del telefono.

Dovrete poi puntarle nel punto sospetto. 

Se avete fatto bene a dubitare, vedrete un bagliore sullo schermo dello smartphone. Se non potete usare contemporaneamente la fotocamera e la torcia del telefono, usate lo smartphone e una torcia a parte.

Chiaramente questo metodo è il meno efficiente, quello che richiede più tempo e non sempre è realistico. Tuttavia è un metodo gratuito che non richiede apparecchiatura strana.

Telecamere nascoste: trovarle con un’app

È possibile trovare delle telecamere nascoste anche utilizzando un’app.

Alcune di queste rilevano dispositivi sospetti attraverso il riflesso della lente. Rilevano infatti il bagliore (o glint) quando la luce di una torcia colpisce una lente.

Altre app invece cercano dispositivi spia wireless. Per farle funzionare, è necessario connettersi al Wi-Fi locale. Dopo la scansione del router, l’app visualizza un elenco di dispositivi collegati. 

Questa metodologia è abbastanza efficiente, non ha grossi costi e non richiede grandi apparecchiature.

Tuttavia non è un metodo adatto per smart home con molti dispositivi connessi, né per il Wi-Fi degli hotel e altri router pubblici con molti dispositivi connessi.

polizia arg serviziSe queste metodologie vi confermano i sospetti avuti, è bene chiamare la polizia e avvisare dunque un ente che possa fare accertamenti migliori.

L’importanza della prevenzione

Per prevenire situazioni spiacevoli è sempre bene:

  • – portare con sé una batteria esterna per rimanere sempre connessi;
  • – scaricare le app che vi aiuteranno a rendere più agevole il vostro viaggio, come mappe, dizionari e traduttori;
  • – non lasciare incustoditi gli oggetti di valore;
  • – non utilizzare mai computer o terminali pubblici per inviare messaggi privati, accedere ad account o fare acquisti online;
  • – utilizzare un’app VPN per proteggere i vostri dati dagli hacker, così come per accedere a contenuti che non sono disponibili nel paese che state visitando.

I pericoli sono purtroppo sempre dietro l’angolo ma possono essere controllati con un’adeguata attenzione e prevenzione

Rischi cyber in viaggio

Quando partiamo siamo spesso così contenti di fare quel viaggio o quella vacanza che abbassiamo la guardia verso i rischi cyber.

Eppure non dobbiamo mai dimenticare che gli apparecchi tecnologici che portiamo con noi non sono mai davvero al sicuro, anche quando sono spenti.

Quello che possiamo fare quindi è prevenire e cercare di fare attenzione il più possibile.

La prevenzione in particolare è importante per essere informati e aggiornati sui rischi e sulle cautele che dobbiamo avere per poter utilizzare i nostri preziosi “strumenti”.

Ci aiuta anche a  coglierne  gli indubbi vantaggi e ovviamente ad evitare i rischi del loro utilizzo.

Non vorremmo mai infatti che qualcuno entri in possesso dei nostri dati e che li utilizzi in modo fraudolento.

Allora vediamo insieme cosa possono significare i rischi cyber in viaggio.

Rischi cyber: le prime accortezza quando si viaggia

In periodo di viaggi e spostamenti  i rischi cyber sono legati ad attacchi in stazioni, negli aeroporti, negli hotel e in genere nei luoghi pubblici.  

I primi punti di contatto o meglio i primi fattori di rischio sono le reti Wifi e i Punti di Ricarica.

Chi mette a disposizione questi supporti si preoccupa di garantire un servizio, ma non è suo obbiettivo invece garantire la sicurezza dei clienti.

Partiamo dal Wifi, paradossalmente uno degli elementi più pericolosi. Gli hacker hanno infatti inventato dei cosiddetti “Rouge Access Point”.

Si tratta di reti Wifi false, spacciate per quelle messe a disposizione delle strutture che stiamo frequentando.

Ma non finisce qui.

Esistono anche le Reti Wifi Clonate, ovvero un accesso simile da confondere con quello effettivo della struttura sempre in mano agli hacker.

Rischi cyber: come proteggerci dai wifi fraudolenti?

Abbiamo visto quanto le reti wifi possano essere insicure e quindi nasce spontaneo chiedersi cosa dobbiamo effettivamente fare per proteggerci?

Ci sono infatti delle accortezze che possiamo usare.

La prima è porre la massima attenzione quando scegliamo l’accesso a cui stiamo per  collegarci. 

Qui bisogna fare attenzione e fare log in sempre e solo ad accessi che prevedono una password per il  collegamento: nei wifi senza password chiunque può accedere e “sniffare” (ovvero rubare in gergo tecnico) il traffico e i dati.

La seconda è di evitare il più possibile di accedere a queste reti evitando di essere dentro i nostri account personali.

Se proprio siamo costretti a  farlo proteggiamole sempre con un ‘autenticazione a 2 fattori così da limitare al minimo i rischi cyber.

Se possibile, infine, rimandiamo gli acquisti e le operazioni bancarie a quando saremo  su una rete sicura e/o propria verificando sempre che i siti web a cui ci colleghiamo utilizzino sempre la cifratura “https” per non incappare in cloni.

vpn e rischi cyber

Rischi cyber: la ricarica dei dispositivi in viaggio

Parliamo ora dei rischi cyber connessi ad un altro servizio utile in viaggio: la ricarica dei nostri dispositivi.

Dobbiamo avere in mente che è buona norma  quella di evitare di collegare i nostri dispositivi mobili ad una porta sconosciuta ( intendendo qualsiasi punto di accesso, computer , prese, ricariche volanti altrui).

Se questa porta è compromessa,  permetterebbe ad un hacker di accedere al nostro dispositivo e mettere in atto vari tipi di “infezioni”.

Il rischio come sempre è la fuga delle nostre informazioni.

La migliore condotta che suggeriamo in questo caso è di portare sempre con sé un power bank proprio oppure di dotarsi e portarsi dietro un proprio cavo che non supporta la trasmissione dei dati ma permetta solo la ricarica.

 

rischi cyber e smartphone

Rischi cyber: altri attacchi che dobbiamo conoscere

La casistica dei rischi cyber in viaggio è molto più ampia.

Dobbiamo conoscere anche:

  • – lo Shoulder surfing , la tecnica di osservare la vittima stando alle sue spalle eshoulder surfing intercettare codici di accesso che vengono digitati;

  • – lo Skimming , il sistema di clonazione delle carte di credito, posizionato su Pos, macchinette per pagamento del parcheggio, i pagamenti dai da te dei caselli autostradali , gli Atm senza che gli utenti possano rendersi conto della manomissione.

Come dobbiamo comportarci in questi casi?

In primis è importante digitare pin, password e dati dei nostri account facendo attenzione ad non essere “notati”, anche a distanza , verificare che gli strumenti dove inseriamo le nostre carte siano integri.

Rischi cyber: metti in valigia la sicurezza

Abbiamo parlato in generale dei rischi cyber e di qualche buona procedura, ma vediamo anche qualche opera di prevenzione che è bene fare prima di partire:

  • – seleziona e porta con te solo i dispositivi necessari
  • – esegui un back up prima di partire
  • – cambia le password e cerca di mettere un’autenticazione a due fattori
  • – aggiorna i dispositivi prima di partire ma non farlo quando sei fuori
  • – abilita la crittografia dei dati, importantissima per evitare rischi cyber
  • – abilita le funzioni per trovare il tuo dispositivo quando sei fuori.
  • – disabilita le connessioni automatiche alle reti wifi

Rischi cyber e green pass

Tra i rischi cyber purtroppo più in voga negli ultimi anni ci sono anche quelli legati al green pass.

Tenendo conto che il 10% dei cyber-attacchi portati a termine lo scorso anno è stato a tema Covid-19, bisogna ricordare che il QR code del nuovo documento che attesta l’avvenuta vaccinazione anti Covid-19, la guarigione o la negatività al tampone contiene numerosi dati relativi alla nostra identità, alle vaccinazioni effettuate e allo stato di salute.

In questo caso vi consigliamo due azioni da fare:

  • autenticazione a due fattori– non mostrare mai il proprio green pass in forma di QR code sui social network, né mostrarlo a nessuno se non alle autorità che possano richiederne la visione
  • – utilizzare un’autenticazione a due fattori per evitare che qualcuno entri nel nostro smartphone e rubi i nostri dati personali;
  • – utilizzare sempre, per scannerizzare, lettori certificati e app ufficiali

Dunque i rischi cyber in viaggio sono moltissimi, ma come abbiamo visto difendersi non è troppo complicato. Ciò che è difficile è mantenere alta la propria attenzione quando siamo distratti dal nostro mood vacanziero.

Ma difenderci è importante: non scordiamocelo mai

Cybersecurity: 5 tips per migliorare la tua sicurezza online

Se utilizzi spesso il web ti sarà capitato di sentir parlare di cybersecurity.

Si tratta dell’insieme di tutti quei processi, delle persone e delle tecnologie per proteggere i sistemi, le reti e i programmi dagli attacchi digitali.

Gli attacchi informatici, detti in gergo “hack”,  sono solitamente finalizzati all’accesso, alla trasformazione o alla distruzione di informazioni sensibili.

Spesso seguono questi attacchi richieste economiche:

hacker informaticisi tratta di vere e proprie estorsioni da parte degli hacker.

Nel mondo connesso di oggi la cybersecurity è fondamentale.

A livello individuale, un attacco di cybersecurity può causare tutto, dal furto di identità, ai tentativi di estorsione, alla perdita di dati importanti come le foto di famiglia. 

A livello di società, le più colpite sono quelle che offrono servizi, come centrali elettriche, ospedali e aziende di servizi finanziari e proteggerle è essenziale per mantenere il funzionamento.

Come fare per proteggersi? Scopriamolo con qualche tips.

Cybersecurity: scegliere le password con cura è fondamentale

Alcune ricerche dimostrano che le password scelte dagli utenti sono spesso troppo banali, come ad esempio le sequenze di numeri 123456.

Un’altra pecca è che gli utenti utilizzano spesso la stessa password per tutti i loro account andando così a minare la loro sicurezza.

Le password troppo facili infatti possono essere scoperte in un colpo solo dagli hacker.

Il suggerimento è quindi quello di utilizzare numeri e caratteri speciali per difendersi il più possibile.

Per portare la vostra sicurezza a un livello superiore potete utilizzare un password manager, che rende i vostri dati praticamente inattaccabili.

password manager

Cybersecurity: proteggetevi bene sui social

Oggi siamo tutti nel mondo dei social ma è importante utilizzare queste piattaforme con senno.condivisione social

Su tutto ciò che pubblichiamo online purtroppo non abbiamo il pieno controllo e diventa utilizzabile contro di noi facilmente.

Vi consigliamo ad esempio di:

  • – evitare di rispondere ai cosiddetti troll (utenti che mandano solo risposte negative e provocatorie)
  • – non condividere foto di documenti personali
  • – non condividere azioni illegali
  • – non diffondere notizie false

Cybersecurity: l’importanza di avere una rete sicura

Una connessione Wi-Fi non sicura o non dotata di impostazioni di sicurezza adeguate è una preda facile degli hacker. 

Per avere una rete sicura dovete:

  • Cambiare le credenziali di accesso del router Wi-Fi.
  • Rinominare la rete del router Wi-Fi
  • Assicurarsi che non si possa accedere da Internet alla pagina d’accesso del vostro router.
  • Proteggetevi con un protocollo di crittografia affidabile e con una password forte.

Se per qualche motivo non avete altra scelta e dovete collegarvi a una rete Wi-Fi pubblica (hotspot) fatelo utilizzando una VPN (Virtual Private Network). Grazie alla VPN i vostri dati in entrata e in uscita saranno cifrati e nessun altro potrà accedervi. 

vpn

Aggiornare i software aiuta a migliora la tua sicurezza

software update

Mantenere sempre aggiornati i software è un altro elemento essenziale.

Gli aggiornamenti che riceviamo sono spesso utilizzati per inviare patch delle vulnerabilità.

Speriamo che questo articolo per molti di voi serva solo per rinfrescare la memoria (sappiamo che si tratta di norme di sicurezza di base).

In ogni caso, anche se siete già al corrente, qualcuno che conoscete potrebbe avere disperatamente bisogno di questi consigli per essere protetti tanto quanto voi.

Ed è proprio per questo che è nato il mese dedicato alla Cybersecurity Awareness (ovvero dicembre).

Cybersecurity: è sempre bene essere pronti ai ransomware

I ransomware sono una tipologia di malware piuttosto insidiosa e sono una di quelle più diffuse. Generalmente a chi subisce l’attacco dei ransomware viene ordinato di pagare una certa somma di denaro per ottenere nuovamente i dati rubati, dati che ovviamente non sono più sicuri o privati. 

Per evitare di incappare in questo malware così potente è importante non aprire allegati di mail sospette, installare un buon programma antivirus, effettuare regolarmente un backup.

 

Insomma stare attenti e proteggersi con questi tips di cybersecurity basilare potrà tornarvi sicuramente utile nelle vostre attività quotidiane.

Italiani e pensione: siamo risparmiatori con scarsa attitudine alla pianificazione

Come si comportano gli Italiani di fronte alla pensione? Sono ben informati? Oppure rincorrono le metodologie di risparmio senza conoscerle a fondo?

Vediamo subito come si comportano i nostri concittadini di fronte ad un argomento così importante e ad un tema incredibilmente caldo.

Facciamo una piccola premessa: le conoscenze del settore sono insufficienti e c’è scarsa pianificazione finanziaria.

L’italiano mediamente affronta in maniera impreparata la previdenza.  

A renderlo noto è un recente sondaggio di Moneyfarm.

L’azienda in collaborazione con Progetica, nell’ambito di un progetto di ricerca dedicato alla previdenza in Italia, ha riscontrato questa mancanza del nostro paese.

Assegno minimo di 800 euro: quanto pensano di ricevere gli italiani in pensione

Moneyfarm e Progetica hanno chiesto agli italiani quali e quanti sono i fattori che possono determinare l’importo dell’assegno pensionistico.

Non conoscere o conoscere solo parzialmente questi elementi è infatti un grande fattore di rischio.

Questa scarsa conoscenza potrebbe portare i futuri pensionati italiani a scontrarsi con una dura realtà. 

Senza la giusta preparazione potrebbero stupirsi di ricevere un assegno significativamente inferiore alle proprie aspettative. 

piano pensionistico

Italiani in pensione: le statistiche dell’intervista

La maggior parte degli intervistati stima che la propria pensione pubblica andrà da un minimo di 800 euro a un massimo di 3.000 euro.

Solo il 12% stima che ammonterà a 1.200 euro. 

Quest’ultimo importo in particolare a oggi, coincide con la pensione media nel nostro Paese ma che, con tutta probabilità, in futuro potrebbe essere solo un miraggio. 

Dal sondaggio inoltre emerge che soltanto il 4% conosce tutti i fattori che impattano sull’importo dell’assegno pensionistico.

Tra questi troviamo anzianità contributiva (il numero di anni lavorati), stipendio, aumento della speranza di vita, andamento del PIL e tipo di lavoro.

Venendo ai singoli fattori, più dell’80% degli italiani intervistati prossimi alla pensione conosce l’impatto dello stipendio (80,7%) e dell’anzianità contributiva (81,1%) sugli importi.

Inoltre soltanto 1 su 3 (34,4%) sa che l’aumento della speranza di vita avrà un effetto diretto sull’assegno pensionistico. 

Il concetto di per sé sarebbe intuitivo.

Ovvero più cresce la speranza di vita, minore sarà l’importo dell’assegno perché i contributi versati dovranno essere sufficienti per un maggior numero di anni. 

Soltanto 1 italiano su 4 (25,6%) sa che anche il PIL avrà un impatto sull’assegno pensionistico.

Al diminuire del PIL nazionale infatti diminuirà l’assegno pensionistico. 

Ancora, soltanto 1 su 5 (20,5%) sa che il tipo di lavoro che svolge, e il relativo regime contributivo, avrà un effetto. 

Solo il 4% degli italiani intervistati non ancora in pensione è consapevole del fatto che tutti questi fattori avranno un impatto sull’assegno pensionistico.

Riflessioni conclusive 

Degno di nota, inoltre, è il fatto che solo 1 persona su 3 (30%) ritiene che i mercati siano un alleato importante per fare un piano di previdenza integrativa, tanto più raccomandabile quanto più tempo manca alla pensione.

Neppure i giovani dimostrano grande consapevolezza su questo punto e si fermano al 31,4% (18-29 anni) e al 35,3% (30-39 anni) come abbiamo spiegato in un articolo precedente.

L’altro nodo da sciogliere per una pianificazione del futuro ottimale riguarda la conoscenza relativa ai fondi pensione e ai piani individuali pensionistici.

Rispettivamente il 55% e il 52% degli intervistati ignorano che TFR e contributo datoriale sono due strumenti fondamentali a supporto di un piano di previdenza integrativa.

Dunque è bene informarsi preventivamente e in caso richiedere consulenze esterne lì dove necessarie

I benefici delle bici elettriche

Le bici elettriche sono una delle mode più diffuse nel nostro paese e in Europa.

Sono le protagoniste dei bike sharing, sono una delle soluzioni più scelte in città per andare al lavoro e spostarsi senza prendere la macchina.

bike sharing

Le maggiori città europee hanno riconosciuto così tanta importanza da attivare rinnovi urbani proprio per creare piste ciclabili ad hoc.

Ma non solo, le bici elettriche sono un prodotto super venduto dagli e-commerce ai negozi fisici.

Sono viste come una sorta di motorino, ma più ecologico e in qualche modo più facile da utilizzare (non richiedono casco, sono più facili da parcheggiare, non si incorre spesso in multe alla loro guida).

Ma le bici elettriche, anche chiamate e-bike, sono utili anche per la nostra salute? Scopriamolo insieme.

Bici e salute: le bici elettriche fanno bene quanto quelle classiche?

Una delle domande che ci si pone più spesso quando ci si approccia all’acquisto di una bici elettrica è se aiuti realmente a tornare in forma.

I dubbi riguardano principalmente l’efficacia delle e-bike, se  paragonate alle bici tradizionali  definite “muscolari”. 

Partiamo prima da un piccolo sondaggio.

Uno studio a livello europeo, ha scoperto che l’Italia è il terzo paese in Europa per voglia di iniziare a pedalare con un e-bike. 

benefici bike Benefici percepiti delle ebike

I soggetti intervistati sul loro interesse per le bici elettriche, alla domanda “perché ti affidi alle ebike?”  hanno motivato la loro volontà con le seguenti frasi:

  • “Per mantenermi in forma; 
  • Per proteggere l’ambiente;
  • Per risparmiare;
  • Per rendere più semplice l’andare in bicicletta;
  • Per evitare il traffico”.

Da queste risposte si aprono dibattiti e si traggono notevoli prospettive, anche di tipo economico.

Tutti questi nuovi clienti avranno bisogno di manutenzione, di visite biomeccaniche e di programmi di allenamento per utilizzare al meglio le bici elettriche.

Ma torniamo a noi: la prospettiva dell’utilizzo delle biciclette elettriche per la mobilità sostenibile può avere un reale impatto sulla salute della popolazione? 

Partiamo dal fatto che le bici elettriche non sono motorini ma la pedalata viene sostenuta solo fino ai 25 km/h e questi mezzi erogano una potenza massima di 250w. 

Questo ci dice che realmente ci muoviamo e che bruciamo calorie.

L’attività fisica è in tal senso modulabile e reale e il grande supporto che la bici elettrica da all’utilizzatore è soprattutto nelle ripartenze da fermo (semaforo, stop ecc). 

Dato che la bici elettrica ha un appeal per quella fetta di popolazione che non ha interesse concreto per la bici, ma ha esclusivamente una volontà di miglioramento del proprio stile di vita, questo nuovo tipo di bici può davvero portare gli italiani a diventare fisicamente più attivi

 

Bici elettriche: riflessioni e studi sui loro benefici

In Norvegia si sono chiesti se i benefici dell’utilizzo costante di una bici elettrica possono essere tranquillamente paragonati a quelli di una bici normale. 

Alcuni utilizzatori delle bici elettriche sono stati monitorati per vario tempo e ne sono stati valutati i parametri fisiologici di capacità aerobica e di forza. 

E’ stato visto che i soggetti che passano da una modalità di spostamento casa-lavoro in auto a bici elettrica nel tempo mostrano i medesimi miglioramenti a livello cardiovascolare di chi usa la bici tradizionale. 

L’utilizzo di una bicicletta “muscolare” comporta mediamente un MET (unità di misura dell’intensità dell’attività fisica) di 6,4-8,2. 

Il passaggio a una bicicletta elettrica, per lo stesso percorso, comporta un MET di 4.1-6.1, quindi del tutto paragonabile.

Inoltre le bici elettriche sono tendenzialmente più pesanti di quelle muscolari e ciò comporta un adattamento della forza muscolare più rapido in chi usa la e-bike. 

Da un punto di vista meramente pratico le e-bike sono appetibili poiché permettono di compiere il medesimo tragitto con un dispendio energetico minore ma soprattutto a un’intensità più blanda, consentendo di sudare meno nelle giornate molto calde. 

Questo aspetto è molto importante e potrebbe essere il vero valore aggiunto per chi volesse passare a una modalità di trasporto più attiva, ma non ha la possibilità di cambiarsi o lavarsi sul luogo di lavoro e non può presentarsi sudato. 

Chiaramente si tratta di un aspetto importante anche per chi non ha molto tempo da dedicare allo sport e ai suoi benefici, ma vuole comunque combattere la sedentarietà.

Bici elettriche: riflessioni conclusive

In ultima istanza possiamo tranquillamente dire che le ricerche scientifiche mostrano come le e-bike possano essere utilizzate come strumento per il miglioramento della salute della popolazione italiana.

Articolo scritto dal Dott. Maurizio Falcone.

Lo sport può salvarci la vita

Lo sport occupa una parte importante delle nostre vite.

“Abbi cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere” diceva Jim Rohn.

Immersi nella vita frenetica e caotica, troppo spesso trascuriamo ciò che c’è di più importante per noi stessi, ovvero il “benessere” parola con cui facciamo riferimento alla nostra salute fisica e mentale.

Ci facciamo trascinare dagli impegni quotidiani e tralasciamo le attenzioni che dovremmo dedicare a noi stessi.

Tra le cose che spesso lasciamo indietro c’è anche lo sport.

Sport: il filo conduttore fra anima e corpo

sport: anima e corpoSembra un luogo comune parlare dello stretto rapporto che esiste tra benessere fisico e mentale, così come sembra una frase fatta e data per scontata quella che i latini esprimevano in “mens sana in corpore sano”.

Invece, è straordinario arrivare a capire come esista.

Fra le due parti che costituiscono la nostra persona (il corpo e la mente) c’è un legame indissolubile ed imprescindibile.

Questo “filo unico” fra corpo e mente ci porta a stare più o meno bene, più o meno male secondo le condizioni in cui si trova una di esse.

 

Lo sport come arma per il benessere fisico e mentale

Questo forte legame fra mente e corpo è stata sperimentata da tutti, almeno una volta nella vita. 

Uno stato di frustrazione e di malessere fisico può automaticamente portare il nostro pensiero a sentirsi bloccato e capace di produrre in noi una sensazione di felicità.

Viceversa, quando è la mente ad essere schiava del malessere e dei pensieri negativi, soggiogata dallo stato depressivo, il nostro corpo diventa teso, si contrae, ci sentiamo scarichi, vuoti, senza forze e soggetti ad infortuni. 

Nel momento in cui la consapevolezza di ciò si fa spazio, la seconda questione che si inserisce è come mantenere l’armonia tra mente e corpo.

Parte della risposta la troviamo nell’attività sportiva.

Abbiamo già visto tanti aspetti positivi del muoversi nel nostro articolo sulla corsa.

Ora approfondiremo in generale quelli dello sport.

sport yoga

 

L’influenza positiva dello sport

Lo sport ha un’influenza positiva sulla vita del singolo e sul suo rapporto con la società. 

Fare attività fisica ha un impatto positivo sulla nostra vita sia in tema di salute in senso stretto in riferimento alla prevenzione di determinate patologie e malattie, nonché al miglioramento o alla cura di stati patologici in corso.

I benefici sulla psiche dello sport

Lo sport porta benefici anche in tema di emotività e psicologia, permettendo di alleviare per esempio stati d’ansia o sindromi depressive.

Lo sport è quella straordinaria attività che ci porta a stare in movimento, portando il nostro corpo a produrre energia positiva mediante il rilascio di endorfine, permettendoci così di giovare di innumerevoli benefici fisici e mentali.

endorfine e sport

È proprio lo stare in movimento che allontanandoci dalla staticità, ci mette nella condizione di lasciarci alle spalle pensieri e tensioni.  

L’attività sportiva sana e praticata con costanza e dedizione, ha sulla nostra psiche l’azione di sollevarci, di liberare la mente dal peso della giornata e dei pensieri che alle volte ci annebbiano, facendoci perdere di vista l’orizzonte dei nostri sogni.

Spesso, non a caso, quando andiamo a fare una corsa, per esempio, partiamo sentendoci stanchi e finiamo la nostra attività provando un senso di appagamento e di felicità che emerge direttamente da quello che abbiamo fatto. 

La stanchezza la avvertiamo ugualmente, ma in modo diverso, perché a prevalere in noi è la sensazione di sentirci liberi, di star meglio, di sentirci sollevati.

Iniziare a fare sport

sport energia

Forse ancora non lo sappiamo, ma lo sport ci salva la vita, ci permette di avere obiettivi e di trovare il modo di raggiungerli.

Lo sport ci mette nella condizione di abituarci alla resistenza e ci insegna ad essere resilienti al tempo stesso. 

Perciò, chi ha cominciato continui e chi ancora non lo ha ancora fatto, inizi subito.

Chi invece pensa di non avere le forze ci provi e resista. 

Basta un po’ di volontà e con l’abitudine riscopriremo i vantaggi apportati da una pratica che non costa nulla. 

Articolo di Flavia Iuele

Karate: molto più che uno sport, un’arte

Il Karate è una delle arti marziali provenienti dal Giappone più diffuse al mondo. 

È prima un’arte vera e propria e poi uno sport, il che significa che influisce in modo globale su chi lo pratica, non solo da un punto di vista fisico.

Si tratta infatti di un’attività completa, come vedremo più avanti, oltre che una vera e propria filosofia di vita. 

 

Karate: tanti benefici per un solo sport

karateIl Karate offre numerosi benefici per chiunque lo pratichi:

– l’allenamento non è soltanto fisico, ma anche mentale e spirituale, offre benefici tali che migliorano la vita di ogni giorno;

-il Karate aumenta il potere decisionale;

– aiuta a controllare il peso ed il livello di resistenza, a sviluppare un corpo forte, muscoloso e tonico;

-il Karate aiuta ad acquisire tecniche di autodifesa e sviluppa la capacità di agire sotto stress, aumentare la fiducia nelle proprie capacità, abilità di leadership e la calma mentale;

– la frequentazione del “dōjō” permette di incontrare nuovi amici, godere di un’atmosfera positiva che contribuirà ad instaurare uno stato di benessere superiore.

Il Karate: uno sport completo

Dal punto di vista della formazione fisica il Karate, tramite l’impiego di tutti e quattro gli arti principali e un’infinita varietà di posture e schemi motori, risulta una delle pratiche sportive più complete.

La pratica di questa disciplina, inoltre, contribuisce ad irrobustire la struttura ossea, articolare e muscolare.

È un eccellente esercizio per la coordinazione.

Inoltre insegna e sviluppa la respirazione diaframmatica (naturale), sviluppa un’eccezionale prontezza di reazione e un grado elevato di attenzione agli stimoli esterni.

Inoltre fa crescere in chi lo pratica il rispetto per gli altri e per il mondo che ci circonda, oltre a  grande autocontrollo ed equilibrio psicofisico. karate e respirazione

Cosa migliorare con il Karate

Il Karate, come la corsa, è adatto a tutti proprio per la sua versatilità, serve a migliorare e perfezionare qualità fisiche: agilità, tenacia, flessibilità, capacità di reazione e di coordinazione e senso dell’equilibrio in modo ottimale.

Rappresenta anche un buon addestramento al portamento, grazie soprattutto all’elasticità dei movimenti sempre in esatto accordo con la respirazione, che si devono  eseguire con giusto equilibrio. 

Inoltre, questa disciplina viene utilizzata anche da esperti medici per le sue caratteristiche terapeutiche.

Il Karate aiuta infatti a sviluppare autocontrollo del corpo e della mente.

I miglioramenti che porta il Karate

I vari aspetti del Karate possono essere sintetizzati nei seguenti aspetti.

Aspetto motorio 

Gambe e braccia vengono usate per sferrare calci e colpi con un’esattezza calcolata al millimetro durante i rapidi ed energici movimenti di tutto il corpo.

L’apprendimento di queste tecniche complesse richiede processi di miglioramento fisico-motorio molteplici. 

Perfeziona inoltre tenacia,  riflessione e senso dell’equilibrio.

Aspetto sociale 

Le lezioni avvengono in gruppo. Le tecniche di base vengono continuamente esercitate al fine di migliorare l’esattezza, la rapidità e l’energia dei movimenti.

Questa pratica collettiva produce un senso di solidarietà ed opera, proprio per questo motivo, contro il sentimento di concorrenza.

Sin dai primi esercizi di attacco e difesa con un partner si è addestrati ad intuire il pensiero del compagno così da migliorare le proprie azioni di difesa.

Inoltre se praticato da piccoli aiuta molto la socialità. È dimostrato che all’interno di un dojo, sebbene come sport si pratichi individualmente, ci si senta parte di qualcosa di più grande e ci si aiuta gli uni con gli altri per imparare tecniche nuove.

 

 

Aspetto etico 

Proprio a causa delle varie tecniche che si insegnan